Tre Tipi di Fondi Comuni di Investimento

0 541

I Fondi comuni di investimento sono strumenti finanziari che consentono al piccolo risparmiatore di accedere ai mercati globali con cifre davvero modeste avvalendosi delle competenze di un esperto.

Nati con la legge numero 77 del 23/3/1983 essi sono uno dei principali prodotti di investimento venduti in banca e proposti dai consulenti finanziari. L’80% dei nuovi investimenti consigliati a maggio dalle reti di consulenza sono finiti in questi prodotti, che vale la pena conoscere.

Fondi di Investimento: Caratteristiche Comuni

il fondo comune è una sorta di cassaforte nella quale confluiscono i soldi dei risparmiatori. Essi si comprano in banca, versando l’importo che si vuole investire, ed in cambio si ottengono delle quote.

Il numero di quote sottoscritte deriva dal seguente calcolo: (importo investito – commissione di ingresso)/valore della quota.

Le quote possono essere un numero frazionario, con tre decimali.

Una volta che la sottoscrizione del prodotto è avvenuta, il risparmiatore non deve più fare nulla. Ogni fondo ha un suo gestore, ossia una persona o un team di persone, che si occuperà di comprare o vendere prodotti finanziari per conto suo nel rispetto del regolamento.

Se il fondo è “ad accumulazione dei proventi” gli utili incassati dal fondo verranno reinvestiti in modo automatico. In questo caso la monetizzazione del guadagno avverrà al momento della vendita del fondo stesso.

Se il fondo è “a distribuzione” i proventi incassati verranno automaticamente accreditati sul conto del cliente. La crescita del capitale investito, in questo caso, sarà limitata nel corso del tempo.

I Fondi Azionari

Sono fondi comuni di investimento che acquistano prevalentemente azioni. Essi possono essere “locali” se investono in azioni italiane; internazionali o globali se acquistano azioni di tutto il mondo, o specializzati per Paese o settore se si concentrano per area geografica o per settore di investimento.

A Chi Va Bene Investire in Fondi Azionari?

i fondi azionari sono caratterizzati da un elevato rapporto rischio/rendimento. Se li scegli ricorda di adottare alcune accortezze:

Conserva l’investimento per almeno 10 anni. Questo ti permetterà di passare indenne attraverso le inevitabili fasi di rialzo e di ribasso che ci saranno in futuro.

Scegli pochi fondi molto diversificati a livello geografico. Questo ti permetterà di non dover fare movimentazioni eccessive al tuo portafoglio, risparmiando tempo, costi e tasse.

Abbina sempre un fondo azionario ad un prodotto prudente. In questo modo la tua esposizione non sarà mai completamente azionaria, e smusserai le fluttuazioni negative che il tuo investimento produrrà nel corso degli anni.

A Chi Non Va Bene Investire in Fondi Azionari?

I fondi azionari sono da evitare per alcune categorie di investitori.

Chi ha un orizzonte temporale di breve periodo. Se pensi di aver bisogno dei tuoi soldi prima che siano trascorsi almeno 10 anni, evita di comprare fondi comuni di investimento rischiosi.

Chi è troppo focalizzato sul breve periodo e ha lo stomaco debole. Ricordi? I fondi azionari sono molto volatili, possono perdere anche il 20 o 30% in un anno. Se non sei disposto a rischiare così tanto, evitali.

Chi vuole una “cedola” periodica. I fondi azionari sono prodotti adatti alla crescita del capitale, ma non al pagamento di una rendita periodica.

Fondi Bilanciati

Sono fondi comuni di investimento mobiliare che acquistano nell’ambito di un certo range, sia azioni sia obbligazioni. A seconda del maggiore o minore “polmone azionario” possiamo distinguere:

  • i fondi bilanciati prudenti
  • i fondi bilanciati moderati
  • i fondi bilanciati aggressivi.

A Chi Va Bene Investire in Fondi Bilanciati?

I fondi bilanciati sembrano il prodotto perfetto per ogni situazione di mercato, ma presentano alcuni punti critici.

L’aggressività deve andare di pari passo con l’orizzonte temporale.Tanto più pensi di tenere i soldi investiti, tanto più potrai optare per prodotti più azionari.

Conserva l’investimento per almeno 5-7 anni. Al pari dei prodotti azionari, anche i fondi bilanciati presentano oscillazioni di valore piuttosto ampie che tendono a ridursi con il passare del tempo.

Scegli prodotti diversificati a livello mondiale. Attraverso di essi potrai prendere posizione, con poche migliaia di euro, su un portafoglio davvero molto diversificato.

A Chi Non Va Bene Investire in Fondi Bilanciati?

Per i fondi bilanciati valgono le stesse considerazioni viste per i prodotti azionari, con cui condividono una certa volatilità – anche se minore.

Evitali se pensi di spendere i tuoi soldi prima che siano trascorsi almeno 5 anni.

Evita di comprare fondi bilanciati se il tuo obiettivo è avere una rendita periodica.

Evitali se temi una discreta oscillazione del controvalore investito nel corso del tempo.

Fondi Obbligazionari

Sono fondi di investimento che acquistano obbligazioni e altri titoli con scadenza certa. Per questa ragione la loro volatilità è minore rispetto agli azionari ed ai bilanciati, ma anche il rendimento.

A Chi Va Bene Investire in Fondi Obbligazionari?

I prodotti obbligazionari sono ottimi sia per chi vuole fare un investimento diversificato, abbinandoli a fondi azionari, sia a chi non vuole correre troppi rischi.Ecco l’identikit dell’investitore in questi prodotti:

Chi vuole una cedola periodica. Molti fondi obbligazionari pagano un importo variabile, a seconda degli utili conseguiti, che viene accreditato periodicamente sul conto corrente del risparmiatore.

Se vuoi incassare una cedola periodica ed essere libero dal rinnovare le obbligazioni o scegliere via via le migliori, i fondi obbligazionari fanno al caso tuo.

Chi teme le oscillazioni forti dei mercati azionari. Sebbene anche il valore quota dei fondi obbligazionari oscilli nel tempo, il controvalore investito è molto più stabile rispetto a prodotti bilanciati o addirittura azionari.

Chi ha un orizzonte temporale di 3-5 anni. poiché la volatilità dei fondi obbligazionari è ridotta, anche il tempo di conservazione dell’investimento andrà di pari passo.

A Chi Non Va Bene Investire in Fondi Obbligazionari?

Se sei disposto a tollerare una certo oscillazione del capitale investito, ed hai un orizzonte di investimento sufficientemente lungo, non scegliere i fondi obbligazionari ma piuttosto un bilanciato.

Consigli per Chi Vuole Investire in Fondi

A prescindere dal tipo di fondo scelto, sappi che i costi che paghi incidono sulla performance. L’incidenza è molto alta per i fondi obbligazionari, media per i prodotti bilanciati e minore per gli azionari.

Sicuro che investire in fondi sia la scelta migliore? Questo libro potrebbe farti cambiare idea.

Laura Desole

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.