Saper investire

Lo Zainetto Fiscale: Cos’è e Come si Usa per Controllare le Minusvalenze

Lo Zainetto Fiscale: Cos’è e Come si Usa per Controllare le Minusvalenze

Lo “zainetto fiscale” è un utile strumento per tenere sempre sotto controllo la posizione fiscale dei tuoi investimenti. Esso è reso disponibile dalla tua banca e saperlo leggere è utilissimo per ottimizzare la tua posizione fiscale.

La Fiscalità degli Strumenti Finanziari

Gli investimenti finanziari sono soggetti ad un regime fiscale particolare che prevede due forme di tassazione.

I Redditi da capitale

La prima di esse riguarda i così detti “redditi da capitale“. Essi sono gli interessi pagati dalle obbligazioni e i dividendi corrisposti dalle azioni. Caratteristica comune di questi proventi è la loro indipendenza da ciò che accade sui mercati finanziari.

Le cedole di un bond, ad esempio, sono pagate in modo indipendente da ciò che succede alla quotazione del titolo in borsa. Allo stesso modo il dividendo di un’azione non risente della situazione dei mercati.

I redditi da capitale sono tassabili con un’aliquota standard  del 26% che si riduce al 12,50% se si tratta di bond emessi da Stati o da Enti Sovranazionali. La tassazione è dovuta in ogni caso e di loro non trovi evidenza nello zainetto fiscale.

Quando una cedola o un dividendo vengono incassati essi sono già al netto dell’imposta.

I Redditi Diversi (o Capital Gain)

I redditi diversi possono consistere in utili (plusvalenze) o perdite (minusvalenze) che si creano comprando o vendendo investimenti sui mercati.

Quando liquidi un’azione o un’obbligazione in utile, realizzerai una plusvalenza. Se il prezzo di vendita è inferiore al prezzo di acquisto incasserai una minusvalenza.

 

L’aliquota di tassazione è identica rispetto al caso precedente, ma plus e minus si possono compensare. In particolare le plusvalenze non saranno tassate fino a che esse non supereranno il totale delle minusvalenze precedenti.