Conti e rapporti dormienti: i conti dormono ma tu svegliati prima che perda tutto!

0 454

Conti e rapporti dormienti

Conti e rapporti dormienti: un argomento che andava di moda un anno fa. Adesso sembra essere caduto nel dimenticatoio, ma il pericolo e sempre in agguato! Scopri se puoi salvare ancora i tuoi risparmi!

Conti correnti, libretti di risparmio, polizze vita, buoni fruttiferi postali, ecc. ecc.  di certo non possono essere considerati un investimenti speculativi eppure potresti perdere tutto se vengono etichettati come conti o rapporti dormienti!
Si è proprio così!

Cosa sono i conti dormienti?

In base alla normativa che l’ha ideato un conto o più in generale un rapporto dormiente è qualsiasi conto corrente o libretto di deposito/risparmio o strumento finanziario gestito (assicurazioni sulla vita, fondi comuni ecc ecc.) che:

  • Abbia una giacenza superiore ai 100 euro
  • Non sia stato movimentato negli ultimi 10 anni.

Come scoprire se hai un conto dormiente?

Poste italiane ha realizzato un elenco che si aggiorna periodicamente di tutti i libretti attualmente ritenuti dormienti. A tal proposito puoi consultare il questo sito.
Per gli altri prodotti postali devi rivolgerti direttamente al tuo ufficio postale.
Purtroppo Poste Italiane non è obbligata ad inviarti a casa una raccomandata che faccia da “promemoria” e che ti inviti a presentarti presso la sede del tuo ufficio postale.
Discorso diverso per gli intermediari finanziari, come le banche, che hanno invece l’obbligo di informarti per mezzo di una raccomandata. Chiaramente se pensi di avere un rapporto dormiente fatti un giro in banca e accertati dell’esistenza in modo da valutare con calma e senza ansia le possibili soluzioni da adottare!

Cosa succede ai conti dormienti?

Se entro 180 giorni dal recapito dell’avviso della titolarità di un conto o rapporto dormiente la banca non riceve risposta gli stessi vengono “girati” ad un Fondo pubblico istituito dal Ministero delle Economie e delle Finanze. Ti ricordo che la Posta non ha obblighi di avviso per cui trascorsi i fatidici 10 anni le somme saranno automaticamente trasferite al fondo.
I tuoi risparmi serviranno a risarcire i risparmiatori vittime di frodi finanziarie!
Bella come iniziativa! Peccato però che il tutto avvenga sempre con i soldi dei poveri cittadini!

Ecco i conti e rapporti dormienti trasferiti al Fondo che possono essere ancora recuperati!

Se vieni a sapere solo dopo il trasferimento dei tuoi risparmi al Fondo che eri titolare di un conto dormiente significa che ilrecuoero
conto dormiva ma tu eri in letargo! Ma non di sperarti perché anche i bradipi posso fare ancora qualcosa prima di diventare ignari benefattori!
Può richiedere il rimborso se rispetti una di queste condizioni:

  • i titolari dei rapporti dormienti di cui all’art. 2 del DPR 22 giugno 2007, n. 116, (depositi di somme di denaro e depositi di strumenti finanziari) e i loro aventi causa (es. eredi);
  • gli ordinanti degli assegni circolari di cui all’art. 1, comma 345-ter della Legge 23.12.2005, n. 266 e i loro aventi causa entro dieci anni dalla data di emissione del titolo.

Non è previsto il rimborso se invece rientri in una di queste casistiche:

  • ai beneficiari degli importi relativi ai contratti di assicurazione sulla vita (polizze vita);
  • ai beneficiari dei buoni fruttiferi postali non riscossi entro il termine di prescrizione decennale;
  • ai beneficiari degli assegni circolari, una volta decorso il termine di prescrizione triennale di cui all’art. 84, comma 2 del Regio Decreto 21.12.1933, n. 1736;
  • agli ordinanti degli assegni circolari, una volta decorso il termine di prescrizione decennale dalla data di emissione del titolo di cui all’art. 2946 c.c..

La richiesta di rimborso deve avvenire per mezzo raccomandata da spedire a CONSAP S.p.a. Per ulteriori approfondimenti ti segnalo il link della società. Dovrei troverai tra l’altro la procedura che dovrai seguire per ogni tipologia di strumento sottoscritto. Sullo stesso sito trovi anche le novità  normative introdotte per le polizze dormienti.

 

Potrebbe piacerti anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.